LEGGI E REGOLAMENTI

LA RIFORMA SUL CORONAVIRUS AL 11 MAGGIO 2020

Coronavirus: Ripartire Impresa la nuova piattaforma per le imprese

Unioncamere, in collaborazione con InfoCamere, ha realizzato una piattaforma online “RipartireImpresa” per aiutare gli imprenditori a districarsi tra le misure economiche adottate dallo Stato per affrontare questa fase critica per la produzione, il lavoro, il credito delle imprese sottoposte allo stress dell’emergenza sanitaria da coronavirus. Si tratta di un sito web dedicato che raccoglie tutti i provvedimenti nazionali del Governo e quelli principali adottati dalle Regioni con profili di specifico interesse per le imprese. Il portale è raggiungibile all’indirizzo https://ripartireimpresa.unioncamere.it/ e consente una ricerca mirata delle norme adottate a livello centrale e locale, dedicando particolare attenzione alle opportunità di sostegno economico.

Leggi l'allegato...

Allegati:
Scarica questo file (CORONAVIRUS AL 11 MAGGIO 2020.pdf)CORONAVIRUS AL 11 MAGGIO 2020.pdf[ ]447 kB

REGIONE LAZIO - EMERGENZA COVID-19 FINANZIAMENTI PER LA LIQUIDITÀ DELLE MPMI - FONDO ROTATIVO PER IL PICCOLO CREDITO

Il Fondo Rotativo per il Piccolo Credito (FRPC) è finalizzato a fornire una tempestiva risposta alle MPMI con esigenze finanziarie di minore importo, minimizzando i costi, i tempi, la complessità̀ del processo di istruttoria e di erogazione.

Il Fondo è suddiviso in cinque sezioni: la Sezione V è destinata ad erogare prestiti alle imprese danneggiate dall’epidemia di COVID 19

Sui circa 115 milioni di euro totali di dotazione, il Fondo per il Piccolo Credito riserva una quota di 51,6 milioni alle imprese la cui attività̀ d’impresa è stata danneggiata dall’emergenza COVID-19. Destinatari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, inclusi Liberi Professionisti, Consorzi e Reti di Imprese aventi soggettività̀ giuridica che abbiano fino a nove dipendenti (ULA 2019); siano costituite entro la data dell’8 marzo 2020.

I Destinatari al momento della presentazione della domanda devono:

  • essere iscritte al Registro delle Imprese;
  • avere Sede Operativa nel territorio del Lazio;
  • ovvero, nel caso dei Liberi Professionisti, essere titolari di partita IVA attiva e avere Domicilio Fiscale nel Lazio;
  • avere una esposizione complessiva limitata ad euro 100.000 nei confronti del sistema bancario sui crediti per cassa a scadenza, rilevabile dalla Centrale dei Rischi Banca d’Italia, riferita all’attività di impresa.

I Destinatari, alla data di presentazione della domanda, devono attestare tutti i requisiti mediante dichiarazione autocertificata ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000 e in particolare devono dichiarare:

  • di aver subito danni a causa dell’emergenza COVID-19, per effetto della sospensione o della riduzione dell’attività̀;
  • di avere un fabbisogno di liquidità pari ad almeno euro 10.000 in conseguenza dei danni subiti.

Inoltre, con riferimento al 31 dicembre 2019:

  • di non presentare sofferenze e/o sconfinamenti in Centrale dei Rischi Banca d’Italia;
  • non aver subito nell’ultimo anno la revoca per inadempimento di finanziamenti e/o affidamenti bancari;
  • non essere oggetto di protesti e/o di iscrizioni e/o trascrizioni pregiudizievoli, con esclusione di quelle volontariamente concesse.

Non è necessario allegare alla domanda i bilanci né i dati contabili.

L’agevolazione consiste in un finanziamento a tasso zero a copertura delle esigenze di liquidità derivanti dall’emergenza Covid-19 con le seguenti caratteristiche:

  • importo: 10.000 euro
  • durata minima: 12 mesi
  • durata massima: 60 mesi
  • preammortamento solo per finanziamenti di durata superiore a 24 mesi
  • durata preammortamento massimo 12 mesi
  • rimborso a rata mensile costante posticipata 08

Essendo i finanziamenti destinati a copertura di esigenze di liquidità, non è richiesta alcuna documentazione relativa alle spese sostenute con le somme erogate.

Ogni MPMI può̀ ottenere un solo finanziamento a valere sulla Sezione V.

LA RIFORMA SUL CORONAVIRUS AL 04/05/2020

Cura Italia diventa legge: pubblicato il testo in Gazzetta Ufficiale

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 29.04.2020 n. 110 il testo del DL del 17 marzo 2020, n. 18, coordinato con la legge di conversione 24 aprile 2020, n. 27 recante “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19. Proroga dei termini per l’adozione di decreti legislativi”. Da sottolineare che all'interno del decreto “Cura Italia” sono confluite le norme dei due precedenti decreti varati ai primi di marzo, Dl del 09.03.2020 n. 14 e Dl del 02.03.2020 n. 9, al fine di avere un unico testo di riferimento per fronteggiare l'emergenza sanitaria.

Leggi l'allegato...

LA RIFORMA SUL CORONAVIRUS AL 27-04-2020

Nuova moratoria sui mutui fino a 12 mesi per famiglie e lavoratori

Associazione Bancaria Italiana (ABI), con comunicato stampa del 22 aprile 2020 informa che è stato raggiunto un accordo riguardante la sospensione dei mutui garantiti da immobili e degli altri finanziamenti a rimborso rateale, con le associazioni di difesa dei consumatori. La sospensione riguarderà la quota capitale e potrà avere durata fino a 12 mesi...

Leggi l'allegato

Allegati:
Scarica questo file (COVID 27 APRILE 2020.pdf)COVID 27 APRILE 2020.pdf[ ]461 kB

Il decreto CURA ITALIA è legge

In allegato il testo del decreto.

Allegati:
Scarica questo file (DECRETO CURA ITALIA.pdf)DECRETO CURA ITALIA.pdf[ ]1112 kB